Xantelasmi

Vaporizzazione con laser CO2. Unica seduta

XANTELASMA: neoformazione giallastra, papulosa, della regione palpebrale, determinata da accumuli di materiale lipidico e microcristalli di colesterina, che si manifestano come addensamenti di grasso solidificato nel sottocute. Ad oggi la loro causa non è del tutto chiara; si riscontrano soprattutto in soggetti con diabete e dislipidemia ma non necessariamente; di certo è che tra tali soggetti vi è una certa familiarità e che questo inestetismo colpisce maggiormente donne oltre i 40 anni.

RIMOZIONE: l’asportazione chirurgica o topica con acido tricloroacetico (TCA) non vengono più usate perché possono portare ad esiti cicatriziali stenosanti. Oggi esistono metodiche più sicure e meno invasive quali i LASER: Erbium, Nd YAG, CO2 superpulsato frazionato. Solitamente la rimozione si risolve in un’unica seduta, senza punti di sutura, con arrossamento e un po’ di edema della zona palpebrale, che durano due giorni circa senza lasciare cicatrici.

PRIMA

PRIMA

DOPO

DOPO

Dic 4, 2015 | Posted by | Commenti disabilitati su Xantelasmi
by UFO Themes

Questo sito utilizza i Cookie anche di terze parti (Google AdSense, Vivistats). Scorrendo le pagine, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi